I giovani e le telecomunicazioni

a3Nella biblioteca dell’Istituto Altamura-Da Vinci, plesso di via Imperiale, il 19 gennaio si è tenuto un interessante incontro sul tema “I giovani e le telecomunicazioni”
L’Associazione Radioamatori Italiana, sezione di Foggia, ha incontrato gli studenti dell’Istituto e aperto una profonda riflessione sul tema delle telecomunicazioni.
L’incontro ha aperto un’interessante finestra di dibattito sulle telecomunicazioni, un settore in continua e forte crescita, ad elevata innovazione tecnologica, che pervade trasversalmente oramai tutti gli ambiti, sia industriali sia civili sia militari e che costituisce una interessante opportunità di lavoro per i nostri giovani.
Le applicazioni di sistemi di controllo e di telecomunicazioni interessano ogni nostra esperienza quotidiana, dall’IOT (Internet Of Thinks) alla telemedicina, dall’industria 4.0 al telelavoro, dalle televisioni alle comunicazioni satellitari.
Il nostro paese deve essere in grado di sviluppare e utilizzare le tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni con dimestichezza e padronanza, sia per creare la crescita economica necessaria al finanziamento del suo modello sociale sia per proteggere l’ambiente e la qualità di vita.a2
Soltanto così si potranno:
· migliorare la competitività di tutta l’economia a fronte della globalizzazione, stimolando al tempo stesso, l’innovazione la creatività e l’efficienza
· promuovere lo sviluppo scientifico e tecnologico nei più svariati settori;
· modernizzare settori estremamente diversi come l’istruzione, la sicurezza, l'energia, i trasporti allo scopo di rendere più efficiente il settore pubblico
· far fronte alle sfide sociali e migliorare la qualità della vita.
Le telecomunicazioni si occupano dello studio e della realizzazione di sistemi per l’acquisizione, l’elaborazione e la trasmissione a distanza di informazioni utilizzando come supporti segnali elettromagnetici. Le informazioni si presentano sempre codificate in modo digitale, sottoforma di flussi di bit con determinate caratteristiche di velocità e distribuzioni informative statistiche, che dipendono dalla natura della sorgente dei segnali.
Questo implica che le telecomunicazioni sono profondamente legate sia all’informatica che ad alcune branche dell’elettronica, quali quelle dell’automazione, delle misure, del progetto dei sistemi di acquisizione dati e dei circuiti di trasmettitori e ricevitori.
In particolare l’impiego della digitalizzazione dei segnali audio e video congiuntamente con lo sviluppo delle tecniche di compressione e la disponibilità di mezzi trasmissivi a larga banda ha consentito lo sviluppo delle reti multiservizio o reti convergenti di cui fruiamo quotidianamente i servizi e che hanno profondamente modificato il nostro modo di vivere, lavorare e studiare:
· leggere un libro dal telefono cellulare o da un tablet (ebook),
· effettuare una conversazione telefonica via INTERNET (VoIP),
· avere accesso a contenuti audio-visivi attraverso connessioni a INTERNET a larga banda (IPTV) che consentono di vedere in streaming filmati,
· ascoltare la musica e tanto altro.
Un giovane oggi deve padroneggiare le nuove tecnologie per progettare, realizzare, amministrare reti di telecomunicazioni, dalle reti locali di computer (LAN) ad Internet, per consentire l’acquisizione dati in remoto e il controllo di processo, con particolare riguardo per applicazioni avanzate e wireless. Inoltre deve acquisire solide competenze tecnologiche nel settore della comunicazione digitale e per la realizzazione di trasmissioni a distanza.
Le imprese richiedono figure professionali capaci di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione.
Il perito in Informatica e Telecomunicazioni risponde pienamente a tali requisiti. E’ in grado di operare nei settori della pianificazione, progettazione, realizzazione, gestione e esercizio di apparati, sistemi e infrastrutture per l’acquisizione locale e/o remota, il trasporto a distanza, la diffusione e il trattamento dei segnali e dell’informazione.
Più in generale tale figura è richiesta non solo nei campi specifici, ma in modo trasversale ovunque sia presente il problema della gestione e del trasporto dell’informazione sia in enti pubblici che privati, in società di ingegneria e in imprese manifatturiere, di servizi e di gestione.
ari1
L’Istituto Altamura Da Vinci vanta una lunga tradizione formativa in tema di telecomunicazioni, numerosi tecnici ed esperti sono stati formati tra i banchi dell’ex ITIS Da Vinci. Lo stesso relatore dell’incontro, presidente pro-tempore dell’ARI sezione di Foggia e funzionario di RaiWay, è stato un alunno dell’istituto.

In passato l’indirizzo era denominato Elettronica e Telecomunicazioni; oggi, a seguito della riforma degli indirizzi della scuola secondaria superiore, il corso di Telecomunicazioni costituisce un’articolazione dell’indirizzo Informatica e Telecomunicazioni.
L’ampia offerta formativa dell’Istituto Tecnico Tecnologico Altamura Da Vinci annovera, tra i vari percorsi di studio, il corso di Telecomunicazioni, che si fonda sulle solide radici dei corsi di Elettronica e di Informatica, su un esperto, consolidato e qualificato gruppo docenti aperto alle sfide dell’innovazione e dello sviluppo tecnologico, su laboratori all’avanguardia e una perfetta organizzazione scolastica, orientata all’immediata accusabilità dei propri diplomati (Dati Eduscopio 2018-19: indice di occupazione dei diplomati = 51%, attesa per il 1° contratto significativo = 273 giorni, distanza del lavoro da casa = 18 km – tali risultati attestano che l’ITT Altamura Da Vinci consegue risultati migliori della media delle scuole della provincia).

Закажите недорогой анализ воды